Marcatura CE apparecchi elettrici

Se parliamo di Marcatura CE delle apparecchiature elettriche significa che facciamo riferimento alla direttiva “bassa tensione”. Per bassa tensione si intendono gli intervalli da 50 a 1000 Volt in corrente continua e da 75 a 1500 Volt in corrente alternata.  Al di sotto dei 50 V in c.c. e dei 75 V in c.a. si parla invece di bassissima tensione.

La maggior parte delle apparecchiature, quali i piccoli elettrodomestici di uso quotidiano, funzionano in bassa tensione e necessitano di essere Marcati CE. Esempi di questi comuni oggetti sono carica batterie, trasformatori, telefoni cordless, frullatore, etc.

9340702-elettrodomestici

Visibilmente sui prodotti deve essere riportato un marchio CE di dimensioni e forma ben definita. Ma la marcatura CE non consiste semplicemente in questo ma da una serie di parti ben precise:

  • Dichiarazione di conformità del prodotto
  • Fascicolo Tecnico del prodotto
  • Manuale di installazione, uso e manutenzione del prodotto
  • Procedure formalizzate di produzioni atte a dimostrare nel caso di produzione di serie la corrispondenza di ogni singolo oggetto ed il campione su cui si sono svolte le indagini per la marcatura

Queste parti devono essere redatte correttamente affinché il prodotto risulti perfettamente a norma. Non bisogna MAI sottovalutare la gravità della marcatura CE.

Che cosa intendiamo quando parliamo di Fascicolo Tecnico? Il fascicolo tecnico è un documento che deve essere messo a disposizione in caso di richiesta alle autorità e comprende una serie di “attività”:

  • Analisi dei rischi in fase di progettazione, produzione ed utilizzo
  • Predisposizione di disegni, progetti, documentazione tecnica di vario genere, dagli schemi elettrici ed elettronici, alla raccolta delle dichiarazioni di conformità dei fornitori
  • Relazioni e calcoli qualora ritenuti esplicativi e necessari.
  • L’inserimento di una copia del manuale
  • Informazioni e dati sui prodotti acquistati

Va ribadito che mentre il marchio CE, l’identificazione,  la dichiarazione di conformità ed il manuale d’uso, devono essere presenti al momento della vendita e fanno parte integrante del prodotto, tutta la rimanente documentazione, peraltro necessaria per una corretta e coerente produzione, deve essere a disposizione di un’eventuale ispezione da parte di autorità competente, ma non della clientela.

Non possedere questa documentazione o possederla errata è un reato perseguibile dalla legge con codice civile e codice penale. La C.&C. s.a.s. fornisce da anni la consulenza su come marcare CE apparecchi elettrici. Richiedere un preventivo è gratuito!! (nella pagina contatti troverai tutte le referenze). Per domande o dubbi puoi anche lasciarci un commento qui sotto.

Share Button

2 comments to this article

  1. Giampaolo

    on 9 luglio 2014 at 17:03 - Rispondi

    Salve, vorrei avere un’informazione circa le condizioni minime dell’applicazione del marchio CE su di un prodotto, ferme restando le dimensioni minime del logo indicate in 5 mm dalla normativa di riferimento: Questo per quanto concerne un cavo di alimentazione a BT (230 Vac) che contempla anche un cavo di segnale al suo interno, ove il diametro esterno totale è di 11,5 mm.
    Grazie per la risposta

    • admin

      on 9 luglio 2014 at 17:11 - Rispondi

      Salve, vorrei rispondere alla Sua domanda, ma non la comprendo.
      Cosa intende per “condizioni minime dell’applicazione del marchio CE su di un prodotto”?
      Il marchio CE va applicato rispettando la direttiva di riferimento, in questa caso la Bassa Tensione, che indica chiaramente cosa fare, ma non fa riferimento a condizione minime.
      Se chiarisce meglio il punto, forse posso fornire una risposta.
      Grazie e cordiali saluti
      ing. Carraro

Lascia un commento