Marcatura CE apparecchiature elettroniche

La nostra società esegue la marcatura CE e fornisce la consulenza per capire cosa è necessario fare

Brevi cenni sulla marcatura CE di un’apparecchiatura elettrica, elettronica e di quadri elettrici.

Con bassa tensione si intente l’intervallo da 50 a 1000 Volt in corrente alternata e 75 a 1500 Volt in corrente continua.

Questi dispositivi rientrano tutti nella Direttiva Bassa Tensione 2014/35/UE, salvo tipologie di prodotti particolari. Per esempio quando ci riferiamo ad un quadro elettrico con la finalità di comandare una macchina esso rientra nella Direttiva Macchine. Da ciò possiamo capire che il quadro elettrico in esempio deve rientrare nella Direttiva Bassa Tensione e deve rientrare nella direttiva del prodotto in cui viene installato.

I prodotti elettrici, elettronici, quadri sono molte volte regolamentati anche da norme specifiche. Vengono da esse definite caratteristiche che sono OBBLIGATORIE in fase di progettazione.

Possono essere richiesti dei Certificati che vengono rilasciati da un Organismo Notificato. Essi costituiscono una parte integrante della marcatura CE ma non la rappresentano. (leggi qui la differenza). La nostra società rilascia questi certificati e fa la consulenza sulla marcatura CE

La marcatura CE di un’apparecchiatura elettrica, elettronica e di quadri elettrici è OBBLIGATORIA.

Sei un produttore od un importatore? I tuoi prodotti devono essere marcati CE e non sai come fare? Chiedere informazioni e ricevere risposte e/o preventivi è gratuito. Possiamo fornirti la CORRETTA consulenza sulla Marcatura CE.

Siamo Consulenti per centinaia di Aziende che si affidano a noi Collaboriamo con: Guardia di Finanza, Tributaria, Carabinieri, Polizia di Stato, Autorità Doganali , Tribunali, Camere di Commercio, Unioncamere, Enti Locali.

Puoi contattarci scrivendo una mail a  squizzato@marchioce.net o telefonando al numero +39 347 3233851. Il nostro esperto è sempre online. 

Share Button

50 comments to this article

  1. Marco

    on 17 febbraio 2017 at 13:02 - Rispondi

    Buongiorno Ing.,
    Vorremmo produrre dei cuscini da divano con all’interno un filamento di lucine led (stile natale) alimentate a con 2 batterie AA (vendute a parte). Il filamento è totalmente rimovibile.
    Il prodotto, secondo lei, deve essere considerato elettronico e quindi marcato CE?

    • admin

      on 22 febbraio 2017 at 14:07 - Rispondi

      Salve, questo prodotto deve essere marcato CE in quanto comprende prodotti elettrici/elettronici, mentre il cuscino di per sè deve rispettare la direttiva 2001/95/CE.
      Cordiali saluti
      ing. Carraro

  2. Giordano

    on 14 febbraio 2017 at 14:40 - Rispondi

    Buongiorno,
    la nostra azienda avrebbe intenzione di importare dalla Cina dei bollitori elettrici. Il produttore ci ha inviato copia della Certificazione CE LVD (bassa tensione) e a breve ci manderà anche quella relativa CE EMC (compatibilità elettromagnetica) e quella relativa ai materiali a contatto con alimenti. Alla ns richiesta di una certificazione Rohs il fornitore ci ha risposto che tale certificazione è parte integrate del CE. Ma cosa vuol dire?? Nell’unico certificato che ci hanno inviato, quello appunto dell’LVD non si fa menzione di Rohs. Potete spiegarmi bene?
    Grazie

    • admin

      on 16 febbraio 2017 at 11:31 - Rispondi

      Salve, il mio primo consiglio è quello di cambiare fornitore. Non metto in dubbio la bontà dei prodotti che non conosco, ma quando ci si trova di fronte qualcuno che racconta frottole è inutile discutere, è meglio schivarlo.
      Le certificazioni LVD e EMC sono del tutto inutili, quindi anche il cinese sarà stato preso in giro da qualche eminente organismo, magari italiano, che a sua volta ha raccontato un sacco di balle, per vendere dei certificati, non solo inutili, ma addirittura esclusi espressamente dalla direttiva.
      Legga la direttiva 2014/35/UE al considerando n° 9 e poi potrà verificare quello che ho scritto.
      Inoltre provi a cercare nel NANDO, sito della Comunità Europea, un Organismo Notificato per la LVD, non ne troverà nessuno, perchè l’autorità europea ha tolto a tutti la notifica per questa direttiva.
      Quindi oggi NON esiste alcun organismo, che possa rilasciare certificati riconosciuti dalle autorità europee, ciò significa che anch’io posso rilasciare certificati LVD, dopo aver fatto le prove, ed hanno lo stesso valore di quelli di tutti gli O.N.
      I certificati RoHS non hanno nulla a che vedere con LVD o altre direttive, indicano che nei prodotti elettrici/elettronici non ci sono 6 specifiche sostanze nocive e tali certificati ci devono sempre essere, e non serve l’ON , per questo vanno bene anche da laboratorio cinese e forse per questo, hanno detto al cinese, le stupidaggini che lui ha riferito a Lei.
      Questi prodotti mancano dell’unico certificato necessario e che deve fare il produttore di ogni singolo componente, quindi probabilmente neppure il suo fornitore, che dovrebbe solo richiederli ai suoi fornitori.
      Valuti Lei l’affidabilità di questo soggetto, in base alle informazioni che Le ho fornito.
      La saluto cordialmente
      ing. Carraro

  3. Leonardo Bandiera

    on 6 novembre 2016 at 14:37 - Rispondi

    Egregio Ingegnere,
    con la mia azienda stiamo implementando una stazione a LED composto da: un pannello da 15 V in ingresso ad un regolatore di carica che alimenta o la batteria a 12V o 4 lampade LED sempre a 12V. Il sistema funziona solo ed esclusivamente con il pannello FV (non può essere in alcun modo connesso alla rete elettrica).
    Pannello, batterie e LED hanno le certificazioni.
    Che tipo di certificazione CE, per legge, deve avere il prodotto assemblato? (se deve)

    Grazie
    Saluti

    • admin

      on 7 novembre 2016 at 10:49 - Rispondi

      Salve, il prodotto deve essere marcato CE, come tutti i prodotti elettrici/elettronici.
      Le direttive da rispettare sono varie e dipendono anche dalla destinazione d’uso del prodotto, non solo dalla sua natura.
      le direttive sono : RoHS, compatibilità elettromagnetica, 2001/95/CE, RAEE, Reach.
      La nostra società è a disposizione per fornire assistenza e consulenza.
      La saluto cordialmente
      ing. Carraro

  4. Filippo

    on 7 settembre 2016 at 00:28 - Rispondi

    Salve, vorrei certificare un quadro elettrico assemblato dalla ditta in cui lavoro, sapete darmi informazioni in merito? Filippo

    • admin

      on 7 settembre 2016 at 09:27 - Rispondi

      Salve, forse Lei intendeva “marcare CE” e non certificare, dato che i certificati per questi prodotti non sono previsti e non esiste NESSUNO, che oggi possa emettere certificati con valore legale, perchè la nuova direttiva bassa tensione li ha semplicemente ELIMINATI.
      Lei certamente può certamente preparare tutti i documenti di marcatura CE, previsti dalla legge, ma li deve firmare il legale rappresentante della ditta per cui Lei lavora e non li può certo firmare Lei.
      Il responsabile della marcatura CE è il legale rappresentante della ditta che lo vende e non un dipendente, che non può assumersi la responsabilità di altri.
      Nel caso la Sua ditta decidesse di chiedere una consulenza in merito alla marcatura CE, saremo a disposizione.
      Cordiali saluti
      ing. Carraro

  5. Giuseppe Picciano

    on 16 agosto 2016 at 10:44 - Rispondi

    Salve Ing.Carraro.
    Siamo una piccola societa’ che sta sviluppando il progetto di una piccola apparecchiatura elettronica per la rilevazione di temperatura e per la gestione di allarmi sulla rete internet.

    L’apparecchiatura viene realizzata con componenti elettronici prevalentemente acquistati in Cina, e’ alimentata esternamente con alimentatori provvisti di certificazione a 220 / 5V. quindi internamente lo strumento ha solo i 5V.

    Viene collegato in rete con cavo ethernet e prevede la basetta PCB realizzata su nostro progetto.

    Saremmo interessati alla marchiatura CE e comunque a tutte le certificazioni necessarie per metterla in commercio.
    Mi puo’ aiutare?

    • admin

      on 16 agosto 2016 at 17:36 - Rispondi

      Salve, certamente La possiamo aiutare, è il nostro lavoro. Le invieremo un preventivo privatamente.
      Cordiali saluti
      Ing. Carraro

    • admin

      on 31 agosto 2016 at 16:18 - Rispondi

      Mi scusi se non ho risposto prima, ma la risposta ad un altro commento si è accavallata alla Sua.
      Le invierò privatamente un preventivo.
      La saluto cordialmente
      ing. Carraro

  6. Enrico Sandoli

    on 3 agosto 2016 at 15:42 - Rispondi

    Egr. Ing. Carraro,

    sto realizzando delle lampade costituite da dei pannelli in legno compensato e carta giapponese. L’elemento illuminante è costituito dall’assemblaggio di:

    1. LED strips (dei nastri adesivi con integrati dei LED) di tipo 3528 a 12V, dotati di marcatura CE;
    2. Mini controllore/interruttore per LED strips radio, a 12V, con relativo telecomando; non appare marcato CE;
    3. Adattatore/trasformatore da 220V a 12V dotato di marcatura CE (esterno alla lampada, è un adattatore con presa diretta a muro).

    L’unico mio intervento è l’assemblaggio di questi elementi oltre al design e alla realizzazione della parte ‘non-elettrica’ della lampada. A parte la saldatura dei contatti della striscia di LED, tutte le altre connessioni sono effettuate attraverso gli spinotti di cui sono dotati i vari componenti.

    Le sarei grato se potesse farmi sapere di quali certificazioni devo obbligatoriamente essere in possesso.

    Grazie mille anticipatamente!

    • admin

      on 3 agosto 2016 at 15:59 - Rispondi

      Salve, il prodotto che Lei realizza con l’assemblaggio è un nuovo prodotto, prima ci sono i vari componenti, Lei li assemblea e diventano un apparecchio di illuminazione.
      La legge impone la marcatura CE su tutti i prodotti elettrici, ma a parte la RoHS che deve essere rispettata da chi produce i vari componenti, non è richiesta ALCUNA certificazione, cioè Lei non è obbligato ad avere alcun certificato.
      In particolare per la bassa tensione (220 V) i certificati “ufficiali”, NON esistono più, cioè NON esiste più alcun organismo che possa rilasciare certificati con valore legale.
      Per essere in regola con la legge, Lei DEVE fare la marcatura CE dei Suoi prodotti.
      La nostra società fornisce assistenza, consulenza e preventivi per la marcatura CE.
      La saluto cordialmente
      Ing. Carraro

      • Enrico Sandoli

        on 3 agosto 2016 at 17:33 - Rispondi

        Grazie mille per la risposta.

        Quindi immagino che se per esempio il componente di cui al mio precedente punto 2. non fosse effettivamente conforme CE (non lo so per certo) non potrei marcare il mio prodotto derivante dall’assemblaggio dello stesso come conforme CE, e dovrei cercare un altro componente equivalente, ma conforme CE.

        Che tipo di informazioni vi servono per poter fornire un preventivo per la consulenza sulla marcatura CE? Potrei inviarvi i componenti della lampada assemblata o direttamente la lampada? O almeno per il preventivo può bastare una email con i dati dei vari componenti?

        Grazie ancora.

        • admin

          on 3 agosto 2016 at 18:15 - Rispondi

          Salve, è buona norma scegliere tutti componenti marcati CE, così si toglie ogni problema da quel lato, poi su concentra su Suo lavoro ed ha risolto tutti i problemi. Le farò avere il preventivo sulla Sua mail, non mi serve nulla per poterlo fare, dopo oltre mille marcature, abbiamo un po’ di esperienza.
          La saluto cordialmente
          Ing. Carraro

          • Enrico Sandoli

            on 3 agosto 2016 at 19:00 -

            Perfetto, grazie!

  7. Giulio Bottini

    on 7 luglio 2016 at 12:03 - Rispondi

    Dovendo realizzare una scheda elettronica a microprocessore, piuttosto semplice e funzionante a 5V che finirà all’interno di alcuni bancomat come mi dovrei comportare? E’ sufficiente una marcatura CE con relativa scheda tecnica o è necessaria la certificazione? Grazie.

    • admin

      on 7 luglio 2016 at 20:36 - Rispondi

      Salve, non serve alcuna certificazione è necessaria e sufficiente la marcatura CE.
      Cordiali saluti
      Ing. Carraro

      • Giulio Bottini

        on 7 luglio 2016 at 21:06 - Rispondi

        Grazie, molto gentile.

      • Giulio Bottini

        on 8 luglio 2016 at 13:21 - Rispondi

        Dimenticavo… Ma la RoHS?

        • admin

          on 8 luglio 2016 at 14:18 - Rispondi

          La RoHS deve sempre essere rispettata, quindi il fornitore deve avere il certificato.
          Cordiali saluti
          Ing. Carraro

          • Giulio Bottini

            on 8 luglio 2016 at 18:03 -

            Di nuovo grazie per la vortese risposta.

            Cordialibsaluti.

  8. laura fontanelli

    on 22 giugno 2016 at 17:14 - Rispondi

    Buonasera,
    dovrei importare delle torce led dalla Cina (senza batterie comprese) in questo caso di che certificazione ho bisogno?
    Grazie mille

    • admin

      on 23 giugno 2016 at 08:47 - Rispondi

      Salve, Lei ha l’obbligo di fare la marcatura CE.
      Per i prodotti elettrici/elettronici la certificazione RoHS è sempre necessaria, mentre tutte le altre norme sono di tipo volontario, ovvero si fanno i test per scelta e non per obbligo.
      Consigliamo anche a Lei di fare la marcatura Ce prima di importare la merce, per evitare problemi in dogana.
      La nostra società fornisce assistenza e consulenza per la marcatura CE, che è obbligatoria per poter vendere questi prodotti nel mercato UE, Italia cmpresa.
      Cordiali saluti
      ing. Carraro

  9. Martina S.

    on 15 giugno 2016 at 09:14 - Rispondi

    Buongiorno,vorrei un’informazione: dovremmo acquistare degli splitter audio negli Stati Uniti sprovvisti di certificazione CE per fornirli in Italia, dove però testualmente richiedono “avere regolare Certificazione CE e rispondere alla normativa comunitaria RoHS”. Parlando di Apprati passivi, è sufficiente un’autodichiarazione del fabbricante per il minimo rischio oppure no?
    Grazie mille.

    • admin

      on 15 giugno 2016 at 18:57 - Rispondi

      Salve, il fatto che i prodotti siano statunitensi rende automatico il fatto che non siano marcati CE, in quanto un soggetto extra UE non può fare la marcatura CE.
      Questo compito spetta all’importatore che si deve comportare esattamente come il produttore, anche se lo è solo legalmente.
      Perciò dovete fare tutto il fascicolo tecnico e noi consigliamo di farlo prima dell’importazione per evitare problemi in dogana.
      Cordiali saluti
      ing. Carraro

      • Martina S.

        on 16 giugno 2016 at 10:43 - Rispondi

        La ringrazio molto.
        La tempistica per fare la marcatura CE?

        Saluti

        • admin

          on 16 giugno 2016 at 22:55 - Rispondi

          Salve, in 15 giorni normalmente si fa.
          Cordiali saluti
          ing. Carraro

  10. Mario Romano

    on 30 aprile 2016 at 10:34 - Rispondi

    Salve,
    vorrei acquistare delle componenti elettronici (Condensatori, Resistenze, Microcontrollori)
    Mi potrebbe fornire un preventivo per la marcatura CE nel caso fosse necessaria?

    Grazie

    • admin

      on 30 aprile 2016 at 11:18 - Rispondi

      Salve, certamente Le invierò il preventivo alla Sua mail.
      Cordiali saluti
      Ing. Carraro

  11. Maurizio Aronne

    on 4 aprile 2016 at 18:40 - Rispondi

    Egr. Ing. Carrano, sono vorrei commercializzare degli antifurti ed altri apparecchi prodotti in cina su mie specifiche tecniche-funzionali. Essendo delle schede elettroniche alimentate a 220Vac e con trasformazioni a 12Vdc le quali dialogano con periferiche a 433Mhz e 868Mhz necessitano di conformita ce. Le chiedo se potete eseguire tutta la documentazione dovuta ed in.tal caso inviarmi il preventivo.
    RingraziandoLa, cordialmente
    Maurizio Aronne

    • admin

      on 5 aprile 2016 at 18:43 - Rispondi

      Salve, noi possiamo fornire tutta la documentazione relativa alla preparazione del fascicolo tecnico, ma per gli apparecchi che funzionano con sistemi di radiotrasmissione è necessario avere a disposizione dei certificati che attestino la conformità dei dispositivi radio.
      Le farò pervenire in separata sede il preventivo richiesto.
      La saluto cordialmente
      ing. Carraro

  12. Paolo Mattesini

    on 21 marzo 2016 at 12:53 - Rispondi

    Salve, sto realizzando un kit elettronico per contabilizzazione acqua, alimentato a 230v, con circuiti esterni a 5/12V,
    so che serve la cerificazione CE, puoi inviarmi un preventivo.
    Grazie

    • admin

      on 21 marzo 2016 at 14:54 - Rispondi

      Salve, in realtà è necessaria la marcatura CE, mentre la certificazione bisogna farla solo se la misura eseguita detemina il valore di una compravendita, ovvero se misura acqua venduta/acquistata.
      Le invio privatamente il preventivo.
      Cordiali saluti
      ing. Carraro

  13. Fabio M.

    on 18 gennaio 2016 at 00:57 - Rispondi

    Buongiorno,
    sto per importare dei kit per la trasformazione da biciclette ad ebike, quindi motore alla ruota, elettronica di controllo, display lcd e batterie al Litio (36V).

    mi potete chiarire un po le idee in merito a marcatura CE, certificati, dichiarazioni di conformità e fascicoli tecnici ?

    come devo muovermi ?

    in attesa di una vostra risposta in merito, vi saluto cordialmente

    • admin

      on 18 gennaio 2016 at 05:13 - Rispondi

      Salve, per poter commercializzare le bici elettriche, Lei le deve marcare CE come macchine, ció significa che deve predisporre il fascicolo tecnico.
      Per evitare i soliti problemi doganali, noi suggeriamo di fare la marcatura prima dell’importazione.
      Non é obbligatorio alcun tipo di certificato, ma la marcatura CE si.
      Può fare da sé o chiedere consulenza, dirle di chiederla a noi mi sembra un suggerimento interessato, valuti Lei.
      Cordiali saluti
      Ing. Carraro

  14. annarita

    on 5 gennaio 2016 at 18:15 - Rispondi

    Salve, vorrei comprare e rivendere dalla Cina delle pen drive, per questo tipo di oggetto é obbligatorio il marchio CE? Se sì, mi potrebbe fornire un preventivo? Grazie e cordiali saluti.

    • admin

      on 5 gennaio 2016 at 19:20 - Rispondi

      Salve, le pen drive sono accessori funzionali per apparecchiature elettriche ed elettroniche e sono a loro volta elettroniche, per tutte queste ragioni devono essere sottoposte al processo di marcatura CE-.
      Processo a carico dell’importatore, che noi consigliamo di fare SEMPRE prima di importare, per evitare problemi con il “solerte doganiere” di cui abbiamo parlato molte volte nei nostri blog.
      Le invierò un preventivo per la nostra consulenza.
      La saluto cordialmente
      ing. Carraro

  15. Roberto

    on 13 dicembre 2015 at 17:29 - Rispondi

    Buonasera, per piccoli lettori mp3 di bassissima tensione provenienti dalla Cina e necessaria la marcatura ce e altre documentazioni?
    Cordiali saluti

    • admin

      on 13 dicembre 2015 at 17:50 - Rispondi

      Salve, questi prodotti rientrano in almeno 2 direttive che impongono tutto il processo di marcatura CE, quindi la risposta è affermativa.
      Cordiali saluti
      Ing. Carraro

  16. Lucia Quirino

    on 2 dicembre 2015 at 12:52 - Rispondi

    Buongiorno Ing. Carraro,
    sono in trattativa per commercializzare degli strumenti di misura elettronici prodotti in Canada, il produttore ha la certificazione CE per tutti i prodotti. Ho contattato una società di leasing e il commerciale mi ha detto che la certificazione non basta ma che serve sempre un mandatario europeo. Sinceramente questa cosa mi mette confusione, non sono riuscita a trovare notizie in merito. Mi può confermare che è obbligatoria?
    La ringrazio fin d’ora.
    Cordialità, Lucia Quirino

    • admin

      on 2 dicembre 2015 at 18:43 - Rispondi

      Salve, in realtà un certificato, seppure necessario, come in questo caso, non è MAI sufficiente.
      L’affermazione del funzionario del leasing è corretta, ma parziale, perchè ci può essere il mandatario o in sua assenza è l’importatore, cioè Lei, che fa le veci del produttore.
      Un produttore residente al di fuori dell’UE, per la legge europea non esiste, potrebbe stare anche su Marte, perciò la legge dice che è l’importatore, se vende con il proprio marchio o il mandatario se il produttore vuole vendere con il proprio marchio e lo nomina, ad assumersi obbligatoriamente la responsabilità della marcatura CE.
      Colga l’occasione di questa informazione proveniente dal leasing, per fare un po’ di chiarezza sulla marcatura CE degli strumenti di misura e dei Suoi obblighi, in caso contrario rischia una multa fino a 50.000 € ed una condanna penale fino ad un anno.
      Mi sembrano argomenti sufficienti per una riflessione attenta.
      La saluto cordialmente
      ing. Carraro

  17. Silvia Bellani

    on 26 gennaio 2015 at 11:35 - Rispondi

    Buongiorno pultroppo in cantiere abbiamo perduto il certificato di conformità del quadro elettrico rilasciato dalla casa madre che è artech che non riesco a contattare per chiederne una copia, voi potreste farmela?
    È possibile un preventivo noi siamo a fiumicino

    • admin

      on 26 gennaio 2015 at 15:37 - Rispondi

      Salve, la dichiarazione di conformità può essere eseguita da chi ha prodotto il quadro elettrico o da un tecnico che ne esegue una verifica, quindi ritengo più opportuno che Lei si rivolga ad un elettricista abilitato e che opera in zona.
      La saluto cordialmente
      ing. Carraro

  18. stefano

    on 13 gennaio 2015 at 10:24 - Rispondi

    Gent. Ingegnere,
    vorrei commercializzare un Sistema di aspirazione e depurazione d’aria Che aspira l’aria da dentro il wc ,La depura mediante filtro ai carboni attivi e la rimette nell’ambiente.
    Ideazione che produco artigianalmente !le componenti plastiche del corpo vengono prodotte su mio disegno da aziende cert. ; alim. 12 volt 1,5 A .centralina elettronica disegnata e fornita da azienda veneta. ; mi saprebbe indicare il preventivo di spesa per la Vostra consulenza riguardo la certificazione CE?
    Ringrazio e saluto cordialmente
    Stefano Rizzo

    • admin

      on 14 gennaio 2015 at 05:15 - Rispondi

      Salve, il prodotto deve essere certamente marcato CE, ma non certificato, Le ho già inviato il preventivo richiesto.
      Cordiali saluti
      ing. Carraro

  19. Morena Bennati

    on 30 novembre 2014 at 17:28 - Rispondi

    Gent. Ingegnere,
    vorrei commercializzare una lampada di mia ideazione che produco artigianalmente assemblando dei materiali già esistenti venduti a banco nei negozi come ad esempio portalampada in porcellana, telecomando con sensore led, alimentatore 12 volt 1,5 Amp, attacchio maschio E27 ecc. tutti già marchiati CE; mi saprebbe indicare che tipo di certificazione devo produrre per poterla rivendere e il preventivo di spesa?
    Ringrazio e saluto cordialmente
    Morena Bennati

    • admin

      on 9 dicembre 2014 at 15:31 - Rispondi

      Buon giorno per questo prodotti non è necessaria alcuna certificazione, ma è obbligatoria la marcatura CE.
      Nel caso Le necessiti un preventivo ci contatti a questo indirizzo carraro@marchioce.net
      Scusi per il ritardo nella risposta dovuto ad un disguido tecnico.
      La saluto cordialmente
      ing. Carraro

  20. ELISEI ROBERTO

    on 23 luglio 2014 at 12:56 - Rispondi

    Volevo avere un preventivo di spesa per marchiare CE due q.e..
    Uno alto cm 195 con vano cavi e l’altro da 72 moduli.
    Marca ABB.
    Grazie

    • admin

      on 23 luglio 2014 at 14:04 - Rispondi

      Salve, approfitto del Suo commento per ribadire ancora una volta che ritengo l’utilizzo delle sigle un fatto negativo, anche se purtroppo abitudinario.
      Il blog è destinato a tutti e né io né Lei possiamo pretendere che chiunque sia in grado di interpretare la sigla q.e.
      Oltre a questo non comprendo una cosa, ovvero se il prodotto è realizzato da un’altra ditta (quella da Lei indicata) per quale ragione Lei dovrebbe fare la marcatura CE, che invece è compito di chi Le ha venduto il prodotto.
      Magari ho compreso male la domanda o le Sue esigenze, ma se Lei mi spiega meglio potrò cercare di esserLe di aiuto.
      La ringrazio e La saluto cordialmente
      ing. Carraro

Lascia un commento