Gruppi Elettrogeni

L’elettricità è una delle fonti primarie di energia utilizzata nel mondo e viene prodotta in diversi modi: tramite centrali a petrolio, gas, carbone, idroelettriche, tramite impianti eolici, fotovoltaici, etc..

Siamo circondati da milioni di apparecchiature che funzionano grazie all’energia elettrica. Molte di esse devono essere operative 24 ore al giorno senza mai fermarsi, neppure in caso di guasto alla rete elettrica. Basti pensare ai macchinari installati negli ospedali.

Per evitare che blackout mettano fuori servizio gli apparecchi elettrici si ricorre a generatori o gruppi elettrogeni. Sono macchine elettriche più o meno grandi e complesse, che producono energia elettrica autonomamente grazie all’utilizzo di un combustibile (tipicamente sono utilizzati benzina o gasolio). Queste macchine a seconda della loro installazione possono partire in automatico o tramite azionamento manuale.

Queste apparecchiature rientrano nella Direttiva Macchine 2006/42/CE che impone l’obbligo di Marcatura CE dei generatori o gruppi elettrogeni. 

Il marchio CE visibile nelle targhette è la sintesi di tutto un lavoro che inizia in fase di progettazione e che finisce con lo smaltimento di un gruppo elettrogeno. Tale lavoro viene formalizzato nel fascicolo tecnico, documento che deve essere messo a disposizione alle autorità di controllo quando richiesto. La marcatura CE è costituita dal fascicolo tecnico e indica che il prodotto, prima di essere efficiente deve essere “non pericoloso”.

 

 

Share Button

2 comments to this article

  1. giovanni

    on 28 Aprile 2019 at 12:07 - Rispondi

    un gruppo elettrogeno in sé e per sé serve a poco,a meno che non sia a servizio di un cantiere dove non c’è corrente; più importante ancora è il Quadro di Scambio, che fa partire e connette il GE in caso di mancanza di tensione; c’è comunque una interruzione breve, se c’è un carico critico l’UPS è indispensabile comunque…tutti marcati CE, ed il quadro di scambio con obbligo di progetto.

    • admin

      on 29 Aprile 2019 at 09:35 - Rispondi

      Salve, concordo con il Suo commento, un gruppo elettrogeno ha esattamente la destinazione d’uso da Lei indicata, ovvero sostituire per varie ragioni e necessità, la corrente di rete, però non mi pare che serva a poco, dato che fornisce la corrente elettrica laddove o quando manca.
      Cordiali saluti
      Ing. Squizzato

Lascia un commento